Consigli per l’acquisto di un cancello automatizzato

Una delle cose più fastidiose è tornare a casa dopo una dura giornata di lavoro e, per entrare con l’auto, essere costretti a scendere per aprire manualmente il cancello: se poi piove questa azione è ancora più sgradevole.

Questo non è un problema solo per il privato cittadino che abiti in una villa singola o in un condominio, ma si pensi al disagio che può essere arrecato da un’azione simile anche ai dipendenti e fornitori di un’azienda, se dovessero per entrare o uscire, attivare ogni volta manualmente, l’apertura del cancello di ingresso.

Fortunatamente l’evoluzione tecnologica odierna permette di risolvere questo tipo di inconveniente, installando un cancello automatizzato.

Scegliendo un cancello automatizzato, senza dover scendere dall’auto, in pratica, con un semplice dispositivo che è il noto telecomando, si apre e si chiude il cancello e si è esonerati anche dal dover movimentare le sue ante che possono essere anche molto pesanti.

I cancelli automatizzati sul mercato possono essere di 4 tipologie: scorrevole, quando la parte mobile di fatto si muove parallelamente alla cancellata, battente se le ante si aprono verso l’interno o l’esterno della proprietà; telescopico (o a fisarmonica), formato da più sezioni che gli permettono di chiudersi su se stesso, utilizzato per realizzare cancelli lunghi dove gli spazi non lo permettono, a sbarra, il più economico e meno ingombrante, ma anche la soluzione che offre meno privacy e sicurezza.

Per scegliere quello più adatto, occorre prima di tutto fare delle valutazioni dello spazio che si ha a disposizione: il cancello scorrevole non richiede spazio aggiuntivo per aprirsi e chiudersi, quello a battente necessita invece che ci sia uno spazio di apertura in più antistante il passaggio.

La scelta deve anche tenere conto dello stile della proprietà e dell’effettivo visivo che ne scaturirà dopo la sua installazione: un cancello automatico deve essere in sintonia con il design complessivo dell’edificio e dell’area su cui questo è collocato.

Abbiamo già detto poco sopra che i cancelli automatizzati rappresentano un’ottima soluzione per tutti. Sono infatti destinati principalmente a 3 usi:

  • Residenziale per abitazioni private singole, per il quale si consiglia un meccanismo di apertura e chiusura leggero, in quanto viene azionato poco nell’arco di una giornata e per i componenti della sola famiglia
  • Condominiale, con un meccanismo più robusto per consentire il passaggio quotidiano di tutte le persone che abitano nel condominio
  • Intensivo: specifico per aziende con magari magazzini connessi e centri di logistica.
    Questo è un tipo di uso che richiede un meccanismo ancora più solido, in quanto non ci devono essere problemi nell’apertura e chiusura del cancello, per la frequente movimentazione delle merci, dei dipendenti e dei fornitori.

 

Dopo aver verificato lo spazio e le dimensioni a disposizione per far installare il cancello, occorre altresì tenere presente il relativo motore che sarà abbinato: a pistone, in genere più lento ma dotato di maggiore potenza, adatto ai cancelli pesanti, o a braccio articolato, più ingombrante e veloce, utilizzato in genere per cancelli medi o pesanti ; se si desiderano soluzioni più discrete, da sapere che esistono anche motori interrati.

Per il modello di cancello scorrevole è consigliabile prevedere nell’automazione anche un’apertura pedonale da usare in caso di emergenza o quando non si vuole far scorrere tutto il cancello per far passare solo le persone.

E’ anche importante prevedere nella spesa, oltre al cancello automatizzato accessori fondamentali e aggiuntivi utili: fondamentali il telecomando, aggiuntivi almeno una chiave di scorta per l’apertura manuale di emergenza, una batteria di emergenza e un’antenna extra.

L’installazione di un cancello automatico, a prescindere dalla destinazione d’uso, non è certamente consigliata per un improvvisato “fai da te”: è necessario che sia eseguito da una ditta specializzata, certificata e con una grande expertise nel settore.

Va tenuto presente infatti, che secondo la norma UNI EN 12453, i cancelli automatizzati, sono considerati dei veri e propri macchinari e, per questo motivo, devono rispettare precisi standard di sicurezza.

E’ obbligatorio che i cancelli automatizzati per qualsiasi uso, siano dotati di sistemi di protezione che, rilevando la presenza di persone o cose nell’area ritenuta pericolosa, si arrestino in automatico per evitare il maggior numero di incidenti in fase di apertura o di chiusura, che possono comunque capitare.

Secondo il decreto legislativo numero 17 del 27 gennaio 2010 inoltre, tutti i cancelli automatizzati devono essere controllati due volte l’anno per la validazione del loro buon funzionamento.

Conclusioni

Per il territorio di Bologna e provincia, un’azienda riconosciuta da oltre 35 anni, leader nella progettazione, installazione e manutenzione di qualsivoglia cancello automatizzato per uso residenziale, condominiale e aziendale è Sorce e Vannini Service S.r.l.

Unico partner FAAC del territorio di Bologna, oggi con oltre 50.000 clienti tra privati, aziende e condomini, Sorce e Vannini vanta al suo interno, un competente team tecnico e un’efficiente assistenza per rispondere al meglio alle esigenze dei propri clienti.

Sorce e Vannini è in grado di intervenire su qualsiasi impianto sia installato direttamente che da terzi, rispettando le normative e gli standard di sicurezza più alti.

E’ possibile contattare l’azienda o telefonicamente o via whats app tramite l’assistenza clienti o anche comodamente via web, inoltrando dal sito internet completamente rinnovato, sia richieste di preventivo che richieste di assistenza.